8 idee per incoraggiare i tuoi figli a mangiar sano

Tempo di lettura: 2/3 minuti
Far seguire ai bimbi una dieta sana è un’impresa da non poco, una situazione che può anche rivelarsi stressante.

Ci sono molte ragioni per le quali i bambini possono rifiutare il cibo, ma è importante non arrendersi, poiché una dieta sana e varia assicurerà a tuo figlio tutti i nutrienti di cui ha bisogno per crescere e fare prevenzione.

 

Tutti i bambini risponderanno in modo diverso a diversi tipi di incoraggiamento, quindi ecco una serie di armi a tua disposizione! Prova un approccio alla volta e dai qualche settimana per vedere se funziona.

 

 

1. Il grafico delle ricompense

 

La tabella dei premi rappresenta uno stimolo semplice e chiaro per un comportamento positivo e ti consente di tenere traccia delle abitudini alimentari di tuo figlio. Dai a tuo figlio una stella o un adesivo ogni volta che finisce un pasto (o prova un nuovo cibo) e ricompensalo quando raggiunge un determinato obiettivo (10 nuovi alimenti, ad esempio). Questo trasforma il processo di provare cose nuove in un’esperienza positiva, supportata da ricompense.

 

 

2. Incoraggiamento

 

I bambini non necessariamente mangeranno il cibo solo perché glielo avete messo di fronte. Potrebbero aver bisogno di una piccola spinta ed è utile interagire con loro. Usare alcune frasi chiave, che giocano sul desiderio di tuo figlio di non perdere un’occasione, può incoraggiarlo a completare il suo pasto.

 

 

3. Gioca con il cibo 

 

I bambini hanno bisogno di essere stimolati, soprattutto quando qualcosa diventa routine. Quindi, se vuoi che tuo figlio mangi bene, dissipa il mito che è brutto giocare con il cibo e inizia a divertirti.

I metodi tradizionali del “Treno nel tunnel” o dell'”Atterraggio aereo” (dove il cucchiaio diventa un veicolo per il cibo e la bocca diventa il tunnel / pista) sono ottimi per i più piccoli. Per i bambini più grandi, invece, puoi provare ad includerli in qualcosa di più creativo, creando, insieme, piatti personalizzati.

 

 

4. Glamour

 

Gli chef stellati lo fanno da sempre perché sanno che tutti noi mangiamo prima con gli occhi: il cibo glamour ci fa venire voglia di mangiarlo. Applicare questa logica al cibo per bambini potrebbe aiutarlo a godersi di più il pasto. Alcuni metodi da provare sono:

 

  • Creare un arcobaleno nel loro piatto
  • Utilizzare formine per biscotti per modellare il cibo
  • Creare lecca lecca con le verdure
  • Aggiungere codine agli alimenti usando semi macinati, frutta secca, erbe miste, cannella o cacao
  • Creare animali con frutta e verdura

 

5. Lascia che i bambini decidano 

 

Coinvolgere i bambini nelle proprie scelte alimentari può essere introdotto sin dalla giovane età. I bambini possono essere coinvolti durante la spesa o possono essere coinvolti nel piantare e raccogliere frutta e ortaggi. I bambini più grandi possono aiutare a preparare un programma alimentare per la settimana e partecipare alla degustazione del cibo prima che venga servito.

 

 

6. Utilizzare strumenti divertenti per mangiare

 

Piatti con facce e utensili sagomati possono rendere i bambini più entusiasti. Se a tuo figlio piacciono le scimmie, ad esempio, considera un piatto a forma di scimmia e un cucchiaio a forma di banana. Ci sono molte opzioni disponibili sul mercato.

 

 

7. Modelli da seguire

 

Chi sono i modelli dei tuoi figli? Potresti dir loro che i familiari dei suoi idoli mangiano quel cibo. Potrebbero sentirsi incoraggiati a fare lo stesso.

 

 

8. Serata a tema

 

Una volta alla settimana, una serata a tema in cui lasci vestire i bambini o fare qualcosa di rilevante può aggiungere creatività e interesse ad ora di cena. Pensa a quali alimenti potrebbero essere pertinenti al tema e lascia che i bambini ti aiutino a prepararlo.

 

Ecco alcuni temi da provare:

  • Picnic sull’isola dei pirati e un tesoro con pesce, purè e gioielli (pezzetti di peperone rosso, piselli e mais dolce)
  • Fata arcobaleno utilizzando cibi di diversi colori dell’arcobaleno
  • Animale preferito, ad es. Fenicottero che utilizza cibi rosa come gamberi, barbabietola etc
  • Atletica leggera, con alimenti che rappresentano i diversi sport, ad esempio asparagi come giavellotto, arancia come palla da basket etc
  • Forme, tutto quadrato, tutto triangolare o tutto rotondo
  • Paesi e culture diverse

La merenda quella giusta e nutriente per i nostri bambini

La merenda è una carica di energia tra due pasti principali, pertanto non dovrebbe superare il 10% delle calorie quotidiane. Non esiste una merenda perfetta, ogni spuntino, deve essere infatti regolato in base alle necessità ,tenendo conto del sesso, dell’età e dell’attività sportiva svolta. La merenda  può essere considerata uno” spezzafame “in quanto permette di non arrivare con un senso di fame incontrollabile al pasto. Per questo motivo , non deve essere troppo vicina al pranzo o alla cena.

 

Quale merenda scegliere

 

E’ sempre importante rispettare i gusti del bambino. Frutta e verdura di stagione non dovrebbero mai mancare per garantire un corretto apporto di vitamine, sali minerali e fibre. Sarebbe utile una fonte di carboidrati complessi, ideali sono il pane con la marmellata o il miele, i cereali consumati da soli o con aggiunta di latte o yogurt. Se invece si preferisce una merenda salata, basta qualche fetta di pane con il formaggino o con il pomodoro. In questo modo garantiamo al bambino il corretto apporto di calcio, potassio, zinco, fosforo e magnesio. La frutta secca è un ottimo ingrediente da aggiungere alla frutta o alla yogurt per arricchire la merenda.

 

Gli snack confezionati come merendine, biscotti e patatine, sono da evitare in quanto ricchi di grassi saturi poco sani per i bambini.

 

La bevanda per eccellenza è l’acqua. In alternativa una spremuta fresca o un centrifugato di frutta e verdura consente il pieno di antiossidanti; se il bambino lo preferisce anche una tisana o il the possono essere utilizzati facendo attenzione alla porzione di zucchero aggiunto.

 

Non esiste la merenda perfetta ma quella più adeguata. Il consiglio è quello di preparare insieme al bambino piatti semplici dando spazio alla nostra fantasia creando intimità , complicità e ricordi preziosi in tempi frenetici come questi!

 

Vincenzo Di Raimondo – Esperto in Nutrizione Pediatrica

 

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo sui Social!

Ferma l’Asma prima che fermi Te! L’importanza della Spirometria durante la visita Medico Sportiva

Tempo di lettura: 3 minuti

 

Una buona funzione respiratoria dipende dall’integrità delle strutture e dal corretto funzionamento dei complessi meccanismi fisiologici, i quali permettono un regolare apporto di ossigeno ai tessuti, compresi i muscoli.

 

L’ossigeno è un elemento essenziale per tutte le strutture periferiche perché fa sì che il metabolismo si orienti verso l’utilizzo fisiologico delle sostanze energetiche alimentari introdotte.

 

In sua assenza il nostro organismo andrebbe incontro al metabolismo anaerobico con una conseguente acidosi lattica, un esaurimento muscolare più rapido e una sensazione di fatica.

 

Una valida funzione respiratoria è alla base di una buona qualità di vita e permette di effettuare regolarmente l’esercizio fisico, che a sua volta induce delle modificazioni di adattamento a beneficio di strutture ed apparati, compreso quello respiratorio.

 

Gli adattamenti specifici del polmone allo sport sono: riduzione delle resistenze vascolari dei muscoli in attività; adeguamento della risposta cardiaca; redistribuzione del flusso ematico; termodispersione; modificazione della ventilazione.

Durante la visita medico sportiva, effettuare una spirometria basale permette una valutazione della funzione respiratoria che può portare al sospetto di asma da esercizio fisico, utile per essere poi approfondito con test specifici (spirometria da sforzo, test di broncoreversibilità).

 

L’asma comporta un’ostruzione transitoria dei bronchi, espressione di un’iperreattività bronchiale non specifica stimolata dall’esercizio, che si verifica in genere entro il quarto d’ora successivo ad un esercizio fisico submassimale (con impegno del 70% della massima capacità aerobica).

 

Purtroppo è molto più frequente di quanto venga comunemente diagnosticata: 70-80% dei soggetti asmatici (23% sogg. con asma episodico,33% asma freq.,75% asma cronico); 40% dei rinitici; 10,3% dei soggetti senza storia di asma.

 

I fattori che influenzano la comparsa e l’aggravamento dell’asma da esercizio fisico sono: il tipo di attività fisica; il grado di iperventilazione; le condizioni ambientali (temperatura, umidità, carica allergenica); le recenti flogosi delle vie aeree.

 

Tuttavia esistono alcuni meccanismi di prevenzione non farmacologici:

 

  • Insegnare ai ragazzi tecniche di respirazione con il naso durante l’attività sportiva, tali da evitare il broncospasmo causato dall’aria fredda e secca;

 

  • Praticare sport al chiuso o all’aperto in giornate miti ed umide, o in alternativa consigliare l’uso di un filtro per l’aria fredda (es. sciarpa);

 

  • Effettuare un periodo di preriscaldamento prolungato (almeno 10 minuti) anche se non particolarmente intenso con un andamento intermittente che non superi il 70-80% della capacità massimale così da aumentare progressivamente;

 

  • Una dieta costituita da alimenti con ridotte quantità di sale, ricchi di vitamine, antiossidanti ed acidi grassi omega-3 può ridurne la comparsa e la severità come dimostrato da recenti studi.

 

È infine importante scegliere uno sport adeguato in base alla gravità dell’asma ed alle esigenze del bambino e della sua famiglia.

 

Tra le attività comunemente consigliate vi sono, in ordine dal più basso rischio asmogeno: nuoto ed altre attività acquatiche (kayak, canoa), sci di fondo, ginnastica, scherma e sport di squadra (volley, basket, pallamano, hockey, calcio).

 

Tra le attività più asmogene, quindi sconsigliate, ricordiamo invece corsa libera e ciclismo.

 

La pratica sportiva del bambino e dell’adolescente con asma va incoraggiata poiché ritenuta fondamentale per un adeguato piano di gestione globale.

Non solo è utile per la crescita e l’equilibrio psico-sociale del soggetto ma è anche un buon supporto per il controllo della malattia e per il miglioramento della compliance terapeutica.

 

Se non riconosciuta ed adeguatamente trattata l’asma da esercizio fisico può essere la causa dell’allontanamento di molti bambini dallo sport con conseguenze sulla loro qualità di vita futura e ripercussioni socio-psicologiche.

 

Fermala, prima che fermi tuo figlio!

 

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo sui social!

L’importanza dello sport nei bambini!

Tempo di lettura: 2 minuti  

 

Si pensa erroneamente che si possa iniziare uno sport in età scolare, in realtà anche i bambini piccoli necessitano di movimento quotidiano.

 

Il principale consiglio per i genitori è di farli divertire senza l’aspettativa di farli diventare dei “fuoriclasse”.

 

Lattanti (0-1 anno)

 

I bambini in questa fascia di età vanno incoraggiati al movimento ed all’esplorazione dell’ambiente circostante, è consigliabile dall’età di 4-5 mesi porli su un tappeto standogli accanto, stimolando vista, tatto ed udito ciò consente di valutare le capacità neuro-motorie.

 

Attività consigliate: tentativi di afferrare giocattoli, rotolare e strisciare sul pavimento.

 

Prima infanzia (1- 3 anni) 

 

In questa età il bambino dovrebbe svolgere almeno 3 ore di movimento al giorno ;un corso di pre -atletica per esempio permetterà al bambino di giocare, muoversi liberamente e correre, in tal modo avrà migliorato lo sviluppo motorio e la coordinazione.

 

Attività consigliate nel quotidiano: salire le scale, limitare l’uso del passeggino, giocare all’aperto.

 

Seconda infanzia (maggiore di 4 anni)

 

A questa età possiamo indirizzarlo verso uno sport più strutturato; il bambino imita tutto ciò che vede, se i genitori sono attivi e praticano uno sport, molto probabilmente farà più movimento e manterrà questa sana abitudine anche da adulto.

 

Attraverso lo sport il bambino socializza e veicola la propria energia verso un obiettivo comune nel caso di uno sport di squadra.

 

Attività consigliate: gioco all’aperto, nuoto, corsa, danza, tennis, calcio.

 

Un aspetto fondamentale dell’attività fisica è l’idratazione: l’acqua è la bevanda per eccellenza.

 

La valutazione delle abitudini alimentari dovrebbe essere effettuata almeno una volta l’anno, sia nel bambino che nell’adolescente, per rilevare eventuali errori dovuti ad eccessi o carenze.

 

Un aspetto rilevante è una corretta ripartizione degli alimenti durante la giornata, ovvero cinque pasti con la seguente distribuzione calorica : 15% colazione, 5% spuntino, 40% pranzo, 10% merenda, 30% cena, evitando così prolungati periodi di digiuno.

 

Saper coinvolgere il bambino nei lavori domestici o nelle attività all’aperto, come una passeggiata al mare o in montagna, permettono al piccolo di esplorare l’ambiente circostante, muoversi liberamente, stimolare le proprietà percettive, olfattive ed uditive con importanti implicazioni di ordine fisico, psicologico ed educativo: il movimento è salute.

 

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo sui social!   

Search

+
Chatta su WhatsApp